Gianni Bellini presenta FABRIZIO POLETTI

24.07.2016 23:02 di Fulvio Floridia Twitter:    Vedi letture
Gianni Bellini presenta FABRIZIO POLETTI

Città del Messico, 17 giugno 1970,s i disputa la partita del Secolo, Italia-Germania (allora ancora Ovest).

Al primo minuto del primo tempo supplementare Roberto Rosato esce, al suo posto entra il “quasi”

modenese Fabrizio Poletti, quasi modenese perché è nato a Gavello Ferrarese, se fosse nato dal lato

opposto della strada sarebbe stato Modenese...miracoli di una strada.

Poletti, sei presenze in nazionale, (esordio nel 1965) difensore rigorista, infatti nella sua carriera spesa soprattutto fra Torino e Cagliari ha segnato la bellezza di 24 reti, quasi tutte su penalty.

Suo malgrado fu coinvolto nell'incidente in cui perse la vita il grande Gigi Meroni, il 15 ottobre 1967 in Corso Re Umberto a Torino.

Poletti (classe 1943) dopo una stagione all'Asti in serie D,v enne acquistato dal Torino, dove l'annata successiva (1962-63) partì subito titolare, ricoprendo tutti i ruoli della difesa.

Dopo 10 stagioni in maglia granata, ormai in fase calante, passa al Cagliari (non più lo squadrone che ha vinto lo scudetto, ma sempre una ottima formazione) dove in tre stagioni gioca 64 partite segnando una rete.

Chiude la carriera in serie A nella Sampdoria nella stagione 1974-75, giocando solamente 5 partite.

Nel complesso da calciatore vince due Coppa Italia con il Torino,1967-68,e 1970-71, i giochi del Mediterraneo nel 1963, ed è vice campione del Mondo nel 1970.

Prova anche la carriera da allenatore ma con scarsa fortuna, adesso da qualche anno vive in Costa Rica, già, un quasi modenese in Costa Rica...

(Per contattare Gianni Bellini: sg.bellini@alice.it)